Il Tredicesimo Cavaliere

Scienze dello Spazio e altre storie

Quando nacque la Fantascienza italiana

 

sputnik 1 Oltre il Cielo I segreti dell'astronave

Lo Sputnik 1

 

Il 4 ottobre 1957 l’Unione Sovietica lanciò a sorpresa il primo satellite artificiale della Terra, lo Sputnik I, il 31 gennaio 1958 gli Stati Uniti lanciarono il loro primo satellite, l’Explorer I: un lento recupero che portò pian piano alla prevalenza americana nella “corsa allo spazio” con lo sbarco sulla Luna appena undici anni dopo. nel 1969. Era cominciata quella che retoricamente venne chiamata l’Era spaziale (non fu così con buona pace di “2001 Odissea nello Spazio” di Kubrick e Clarke), ma era contemporaneamente nata la fantascienza italiana. Sì, perché proprio intorno alle date del lancio dei due satelliti era uscita e si era sviluppata una rivista che ormai a buon diritto si può considerare la “madre” della science fiction made in Italy.
Il 15 settembre 1957(data di copertina) era apparso nelle edicole un quindicinale dal formato insolito e dal titolo ancora più insolito: Oltre il Cielo lo aveva fondato Armando Silvestri (1909-1990), ingegnere, giornalista aeronautico di vaglia laureato giovanissimo al Politecnico di Milano, redattore di riviste di questo genere fra le due guerre, direttore della rivista Ali Nuove che pochi anni prima aveva assorbito un altro periodico, Cielo, di cui la nuova rivista riprendeva il nome e lo lanciava al di là dell’aeronautica: verso l’astronautica allora nascente (lo Sputnik, come si vede dalle date, non era stato ancora lanciato) e la fantascienza. Condirigeva la rivista Cesare Falessi (1930-2007), allora giovanissimo, ma poi valente giornalista, tra i fondatori e poi anche presidente dell’UGAI, Unione Giornalisti Aeronautici (poi Aerospaziali) Italiani, divulgatore scientifico, storico militare.

sputnik 1 Oltre il Cielo I segreti dell'astronave

Oltre il Cielo

La Fantascienza aveva ufficialmente visto la luce in Italia appena cinque anni prima con Scienza Fantastica (aprile 1952) e Urania (ottobre 1952), ma ormai dopo qualche tentativo iniziale pubblicava soltanto scrittori stranieri ignorando gli italiani, una inversione di tendenza rispetto alla narrativa popolare fra le due guerre che invece aveva privilegiato la narrativa nazionale. Silvestri e Falessi, che scrissero anch’essi di Fantascienza, il primo negli anni Venti e Trenta sul Giornale Illustrato dei viaggi, e il secondo appunto su Oltre il Cielo sin dal n.1 con vari pseudonimi (sono stati tutti riuniti in una antologia edita dalla casa editrice Elara di Bologna col titolo I segreti dell’astronave, a mia cura) vedevano la questione in maniera diversa: in primo luogo intesero la fantascienza come un modo di avvicinare i giovani di quell’epoca (noi e tanti altri con noi) all’idea della “conquista dello spazio”, dell’uscita dai limiti terrestri, dell’ampliamento del punto di vista antropocentrico, un mezzo per far diventare “popolare” l’astronautica; in secondo luogo diedero man mano sempre più pagine agli autori italiani che in seguito furono gli unici ad essere pubblicati. Inoltre, dopo una iniziale “ortodossia” spaziale e astronautica, gli orizzonti della fantascienza pubblicata dalla rivista romana andarono sempre più ampliandosi.
Sulle pagine di Oltre il Cielo per i dieci anni in cui visse e i 155 fascicoli che pubblicò sino all’inizio degli anni Settanta, esordirono o si consolidarono le firme della prima e seconda generazione di tutti i più importanti scrittori di fantascienza italiana: Vincenzo Croce, Sandro Sandrelli, Ivo Prandin, Gianni Vicario, Renato Pestriniero, Lino Aldani, Massimo Lo Jacono; e poi Piero Prosperi, Ugo Malaguti. G.L.Staffilano, Antonio Bellomi, Vittorio Curtoni, Tiberio Guerrini, Alcide Montanari. Alcuni di questi presero poi altre vie, diversi interruppero la loro attività fantascientifica, parecchi l’hanno continuata con ottimi risultati come critici, direttori di collane e riviste. Sta di fatto che Oltre il Cielo capì le loro qualità, credette nella loro narrativa, aprì loro le pagine, fu palestra e trampolino di lancio per l’allora giovane Fantascienza autoctona. Che difese a spada tratta quando, nella seconda metà degli anni Sessanta si sviluppò una polemica proprio nei suoi confronti, fra chi prediligeva quella angloamericana per cui ogni romanzo o racconto straniero era in assoluto un capolavoro, e coloro che difendevano le qualità di quella nazionale.
I Segreti dell'AstronavePer inciso una scrittrice italiana oggi scomparsa e rapidamente dimenticata come spesso succede, Luce D’Eramo, in un suo complesso romanzo di extraterrestri in incognito sulla Terra (Ritorneranno, Mondadori, 1986) che meriterebbe una ristampa, racconta fra le righe la storia di Oltre il Cielo e degli uomini che la realizzarono: infatti, era la figlia di Publio Mangione, uno degli editori di Cielo, oltre che bravissimo disegnatore. Ma del particolare nessuno si accorse, eccetto forse il sottoscritto che lo segnalò in una lunga recensione ricevendone conferma dall’autrice…
Il problema all’epoca era che la nostra narrativa fantascientifica non sembrava esistere dato che le grandi collane specializzate in edicola (da Urania Mondadori, a Cosmo Ponzoni soprattutto, ma anche la miriade di testate che si svilupparono soprattutto in seguito negli anni Settanta e oggi del tutto scomparse), se pubblicavano opere italiane obbligavano i loro autori a utilizzare pseudonimi inglesi e francesi. Anche qui lentamente, troppo lentamente, le cose sono mutate: prima con la collana Cosmo Nord che cominciò a ospitare romanzi a firma italiana negli anni Ottanta, e poi con il Premio Urania che con la sua prima edizione del 1990 ha permesso di inserire nella collana mondadoriana le opere vincitrici del concorso. Era una questione di abitudine: i lettori rifiutavano le opere di italiani solo perché non abituati a leggerle (a parte una critica aprioristicamente precevuta).

Oggi, anche con una nuova generazione di appassionati, le cose sono totalmente cambiate: lettori e critici non hanno obiezioni di principio, anche se la crisi editoriale sta penalizzando la narrativa che adesso si definisce “di genere”, Peraltro da un bel pezzo romanzi di questo tipo (anche se soprattutto fantastici e dell’orrore più che di science fiction) sono presenti in collane generaliste senza una particolare etichettatura. Però escono e sono firmati anche da autori considerati mainstream che magari si rifiutano di definire le loro opere come “fantascienza”, però nella sostanza la scrivono…

GIANFRANCO de TURRIS

18 aprile 2016 Posted by | by G. de Turris, Fantascienza | , | Lascia un commento

Il Tevere è Radioattivo?!

Capita qualche volta ai blogger fortunati come me, di imbattersi in quel tipo di continua rielaborazione mentale di un’idea che un John Coltrane e un McCoy Tyner fanno con un tema musicale. E’, né più né meno, ciò che Mongai fa con gli stilemi della fantascienza. Insomma quello che segue mi sembra l’ennesimo mattone del Mongai-pensiero, la costruzione bizzarra e un po’ sbilenca, e forse per questo così divertente, che l’autore sta sviluppando da tutta una vita, eppure da me ha avuto un unico contributo: il nome. Di questo, però, meno gran vanto. (RF).

città volante magnetismo fantascienza

Essere morsi da un ragno radioattivo può trasformare un essere umano in un uomo-ragno dotato di superpoteri? Sì, è successo a Peter Parker. Una simile ipotesi è fanta-scientifica, ossia almeno in parte “scientifica”? Sì. Ni.  E cadere nel Tevere e imbattersi in un bidone di sostanze radioattive? E
diventare un supereroe a Tor Bella Monaca? E’ o non è un film di fantascienza? Nel senso della parte “anche” scientifica? Secondo Massimo Mongai sì.

Diciamo che è uno stilema classico della fantascienza, come le storie di animali ingigantiti dalle radiazioni dei film e dei fumetti anni ’50, o i superpoteri di Superman che verrebbero dal fatto che lui è un umano nato su un pianeta con una forza di gravità superiore a quella della Terra sulla quale salta e poi vola, e si trova sotto un sole giallo che diversamente da quello rosso in cui è nato gli dà gli altri superpoteri. Si tratta di ipotesi “scientifiche” a dir poco molto ingenue, risalenti a decenni fa e molto datate, che oggi non verrebbero usate. Non a caso sono idee “vecchie”, e che risalgono, in particolare Superman, al periodo della grande esplosione della pulp-fiction, ossia agli anni 20/30 quando non a caso nasce il periodo dell’Epoca d’Oro della fantascienza.

Eppure c’è chi lo ha fatto anche recentemente anche in Italia ed è un regista di tutto rispetto, Gabriele Salvatores con Il Ragazzo Invisibile, nel 2015. E’ vero, il gruppo a cui apparteneva il protagonista era un gruppo di mutanti, che a loro volta erano la conseguenza di un qualche esperimento nucleare.
Ed ora è in sala un altro film fantascientifico di questo tipo, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, nel quale tutto parte dalla casuale immersione del protagonista in un punto del Tevere in cui sono “nascosti” dei fusti contenenti rifiuti radioattivi, un misterioso materiale non chiaramente determinato né nelle qualità, né nella provenienza: lui ne rompe uno, la materia esce e lui ne viene completamente avvolto, la inghiotte, insomma fa una vera full immersion nella radioattività. Donde superforza, super resistenza, capacità di autorigenerazione.

Il film è bellissimo! O almeno godibilissimo, coraggioso, divertente e sta avendo un discreto successo basato sul passa parola eccetera. Il consiglio è di andare a vederlo.

superpoteri invisibilità fantascienza gabriele salvatores

Però la domanda più interessante che ci si può porre è quella relativa alla plausibilità reale dei presupposti scientifici della storia. Di questa come di tante altre le storie di fantascienza.
Il grande Philip Jose Farmer ha detto che un romanzo di fantascienza deve rispettare le conoscenze scientifiche del momento storico in cui l’autore scrive e se questo elemento è rispettato il racconto resta “di fantascienza” anche se a distanza di anni quei presupposti scientifici sono stati smentiti. Ad esempio il ciclo di John Carter di Marte di E.R.Burroughs, descrive un pianeta con atmosfera, acqua, foreste, una temperatura medio alta, tutte cose che oggi noi sappiamo per certo non esser vere, ma all’epoca di Burrgoughs non si sapeva. Oddio, forse chiedendo meglio a qualche scienziato/astronomo più aggiornato, forse, chissà qualcosa si sarebbe potuto sapere.

La”chimica” sulla base della quale Frankenstein crea la sua “creatura” assomiglia un po’ all’ alchimia, ma di sicuro non c’entra la magia, anzi in ballo c’è dichiaratamente solo la scienza. E così via: Jekill diventa Hyde per l’uso di sostanze chimiche non di un filtro magico, Gulliver sale su una isola volante, Laputa, che si muove e vola perché ha una serie di calamite che lo permettono, e questa è l’origine della FS.

Ora, quella della plausibilità scientifica di un racconto fanta-scientifico non è questione da poco. Anzi. La fantascienza è un genere potente in cui fantasia e creatività dell’autore possono scatenarsi letteralmente attraverso non solo tutto l’Universo ma anche i molti altri Universi possibili teoricamente, ipotizzati da molti scienziati; non solo spaziare nel futuro, ma anche in un futuro così remoto da non essere concepibile o alla fine del tempo o all’inizio del tempo o anche prima, perché no?

Sempre rispettando i “limiti” della scienza, o almeno non facendo affermazioni o ipotesi esplicitamente contrarie alle leggi scientifiche. Da parte di molti autori si tende a contaminare le storie con elementi che di scientifico hanno poco, se non addirittura nulla, se non, orrore, proprio misitico-magici. Sono contaminazioni che non hanno di solito un gran futuro, perché gli appassionati di FS sono estremamente esigenti e pignoli.

jeeg supereroismo fantascienza cinema film

Ma alla fin fine, forse, quello che conta non è il risultato? Non lo so. Onestamente non lo so.

Ad esempio l’idea di uno che cade nel “biondo” Tevere e si imbatte in scorie radioattive può accadere, considerando che lo smaltimento dei rifiuti pericolosi è ormai sempre più spesso in mani illegali e criminali che disseminato rifiuti letali ovunque sul territorio, perché non nel Tevere? E però che le radiazioni possano dare dei superpoteri è come ho detto idea vecchia, la cui fanta-scientificità forse non è più accettabile.

E però dico “forse”, perché il film mi è molto piaciuto. E questo è accaduto perché l’idea è stata ben sviluppata, in una storia che ha anche molti altri elementi: i manga, la cultura pop di fumetti e cartoni animati, la commedia, il thriller, il film sulle mafie cattive, c’è di tutto, Forse anche un po’ troppo.
Diciamo che quell’idea è un tipico stilema della FS e dicesi stilema:

“…Unità corrispondente a una scelta stilistica nel campo lessicale (egregio di fronte a chiarissimo in un indirizzo), sintattico (Dante nasceva nel 1265 di fronte a nacque), morfologico (gli disse di fronte a disse a lui), estens. Movenza stilistica, procedimento stilistico di un autore, di una scuola, di un periodo.”

C’è da aggiungere poi che una delle caratteristiche più tipiche e forti della fantascienza e ben rappresentata dalla domanda posta da Isaac Asimov ed altri: what if, tradotta di solito con l’espressione che cosa potrebbe accadere se….E segue una ipotesi “fantascientifca” e segue anche una storia. Di solito se l’autore è bravo il risultato è estremamente gradevole. Certo, se vi piace la fantascienza. C’è a chi non piace. Perché occorre attuare anche una forte sospensione dell’incredulità. Non tutti vogliono o ne sono capaci, e questo è il motivo per cui la FS è ansiogena ed antipatica. Ne volete una ulteriore prova? Presto detto.

Il film sta avendo un notevole successo al botteghino, fin dal primo week-end, prova del fatto che il film piace e che funzionano sia il trailer, sia l’immediato tam-tam. E’ sorprendente tuttavia constatare che quasi nessuno usa il termine “fantascienza” per definire il film. In una intervista a Radio24 lo stesso regista lo ha definito un film supereroistico, ossia relativo ai supereroi, come se questi fossero qualcosa di altro rispetto alla Fantascienza. Ed il termine in questione, “supereroistico” o “superomistico”, è usatissimo in quasi tutti gli articoli e le segnalazioni del film, tutte positive, si badi bene.

Il film piace ed ha critiche positive a patto di non definirlo come un film di fantascienza. E la questione è antica! Il termine FS indica molte cose ma spesso cose non positive, le frasi tipiche sono “ma questa è roba da fantascienza” oppure “questa non è mica fantascienza” in relazione alla presentazione di progressi scientifici o tecnologici ed altre espressioni relative ad altri elementi culturali. Il regista stesso ha dichiarato di aver tentato per 5 anni di trovare soldi e di averceli messi poi di tasca sua, almeno in gran parte, perché appunto non trovava finanziamenti (film peraltro di basso budget, pare, circa 1,7 milioni di euro che per un film italiano in assoluto è poco, per un film di Fs è niente). La FS è un genere ambito dal pubblico ma immensamente screditato in Italia da parte da chi ci dovrebbe investire.

dr-jekyll-and-mr-hyde doppiapersonalità cinema superpoteri vintageCi sono continuamente film di FS americani in sala, una media di 3 o 4 film al mese, più gli altri che poi arrivano direttamente in televisione, parliamo di 40/50 film l’anno, il pubblico li va a vedere ed è un pubblico intergenerazionale e intersessuale, come dire, tutti: uomini e donne, giovani e vecchi, il grande pubblico. Ma i produttori italiani ignorano il genere e perfino l’autore di un film di successo come questo, a successo ormai acclarato, non usa il termine fantascienza! Da sempre sostengo che questo è il principale segno di minorità culturale della FS, ed è tutto nella testa di chi se ne occupa, gli autori per primi.

MASSIMO MONGAI

9 marzo 2016 Posted by | Cinema e TV, Fantascienza, Letteratura e Fumetti | , , , , | Lascia un commento

Fantascienza e fascismo

Tra le innumerevoli, anzi infinite, colpe attribuite nei decenni al fascismo in tutti i campi possibili e immaginabili, non si può certamente aggiungere adesso quella di aver ostracizzato e/o boicottato la narrativa fantastica e fantascientifica straniera, specificatamente americana.

huxley(nella foto: Aldous Huxley)

E’ quanto sembra di capire dalla introduzione del professor Carlo Pagetti all’ottimo saggio  Fantascienza italiana (ed. Mimesis) di Giulia Iannuzzi (la sua tesi di dottorato divisa in due tomi), un lavoro cui sarebbe il caso di tornare in modo approfondito dato che è stata scritta da un’autrice di una generazione diversa da quella che ha “fatto” questo genere letterario nel dopoguerra, dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta almeno.
Pagetti è un pioneristico critico della fantascienza in Italia sin dal suo Il senso del futuro (1970), la sua tesi di laurea, stampato dalle prestigiose Edizioni di Storia e Letteratura, critico militante e curatore delle opere di Philip Dick (dove tra sommi capolavori sono però apparse anche cose pessime e giustamente bocciate e rimaste nel cassetto vivente lo scrittore). Quindi ci si sarebbe aspettati da lui qualcosa di più approfondito e meno generico tipo:

“Solo allora [dopo il 1945] la cultura italiana poté aprirsi a una molteplicità di influssi e di suggerimenti provenienti dal nuovo mondo americano, che, pur essendosi già fatto sentire anche durante il fascismo con l’inarrestabile ascesa del cinema come mezzo di comunicazione di massa privilegiato, era guardato con sospetto e perfino con disprezzo dal regime. E’ semmai interessante ricordare la pronta traduzione italiana di Brave New World di Aldous Huxley, pubblicato in Inghilterra nel 1932 e subito dopo arrivato da noi come Il mondo nuovo, ma in questo caso si trattava appunto di un romanzo futuristico, anzi di una distopia (…) e dunque poteva benissimo essere accettato nell’ambito dell’ideologia fascista…”.

Espresse così sono tesi semplicistiche e politicamente corrette: ci si potrebbe ad esempio chiedere che differenza si poteva fare allora tra un romanzo “futuristico” ed uno “fantascientifico” (anche se l’aggettivo non esisteva). Quello “futuristico… poteva benissimo essere accettato dall’ideologia fascista” forse perché il mondo allucinante descritto da Huxley poteva ricordare in qualche modo quelli immaginati da Marinetti & C.? Appunto, non è affatto chiaro. Il problema di fondo, che Pagetti non coglie, è il rapporto tra la narrativa alta e quella bassa, tra il mainstream e il popolare, come si dirà.
Si devono precisare allora alcune cose ricostruendo un contesto: soltanto così si spiegano esattamente i motivi per cui la fantascienza “popolare” americana nata nel 1926 con Amazing Stories di Hugo Gersnack e con Astounding Science Fiction (1930), cioè la fantascienza delle riviste, dei pulp magazines,non ebbe eco in Italia, perché è quella che conta e incide sui lettori, non i grandi scrittori del mainstream, come Huxley (ma anche altri) che Pagetti cita.
Infatti, come ho lungamente elencato nella mia introduzione a Le aeronavi dei Savoia (Nord, 2001) praticamente tutti i grandi scrittori “futuristici”, “fantastici” o “antiutopici” dell’epoca di lingua inglese e francese erano tradotti da importanti editori italiani: da Poe a Wells, a Stevenson a Conan Doyle, da Rider Haggard a Verne, da Benoit  a Flammarion, sino a giungere alla russo-americana Ayn Rand con La vita è nostra nel 1939, anno dello scoppio della guerra. Per non parlare dei citati futuristi che appunto scrivevano romanzi e racconti che definiremmo oggi di fantascienza.
burroughs

(nella foto: E.R.Burroughs)

All’epoca anche E.R.Burroughs era noto in Italia con le sue le avventure di Tarzan, ma non con quelle di John Carter su Marte o Carson Napier su Venere, anche se  le riviste a fumetti stampavano le storie avventuroso-spaziali, molto simili a quelle di Burroughs, di Gordon Flash e Brick Bradford.
Si vede bene dai fatti che non c’era alcun ostracismo o ostilità ufficiale al genere in sé, né italiano né straniero, e questo almeno sino alla vigilia del conflitto quando avvenne una stretta “autarchica” a livello popolare (fumetti, polizieschi ecc.).
Il fatto è, come dimostrano i dati e le tabelle pubblicati sin dagli anni Settanta da Mike Ashley nella sua History of Science Fiction Magazines in più volumi tradotti anche in italiano, che in Europa, quasi neppure in Gran Bretagna, uscirono riviste specializzate in sola fantascienza sino al 1940, e noi non facevamo eccezione, indipendentemente dalla ostilità o meno, “sospetto” o “disprezzo” che fosse, del regime a quel genere letterario in quanto espressione della cultura americana.
Che in realtà non esistette perché, come credo di aver ampiamente documentato nel citato mio Le aeronavi dei Savoia, in Italia esso era diffuso sin dall’inizio del Novecento nei media dell’epoca, anche se aveva altri nomi: sia nei supplementi dei grandi quotidiani (La Tribuna Illustrata, La domenica del Corriere, Il Romanzo Mensile, Il Mattino Illustrato), sia i settimanali di cultura e informazione che ospitavano narrativa (La Lettura, Il Secolo XX, Noi e il mondo, Le Grandi Firme ecc.) pullulavano di racconti fantastici, fantascientifici, sovrannaturali, avventurosi e dell’orrore, soprattutto italiani ma anche stranieri. Per non parlare di due testate che potremmo definire a loro modo specializzate: Il Giornale Illustrato dei Viaggi (quindicinale) e il mensile Il romanzo d’avventure, zeppi di questo genere di storie, e dove i romanzi a puntate erano soprattutto stranieri (francesi, inglesi, americani, tedeschi). Tra essi c’era vera e propria fantascienza “spaziale” con astronavi, extraterrestri, invasioni, guerre del futuro. (Un prolifico autore di guerre in un domani più o meno lontano era Luigi Motta, allievo, seguace, concorrente e poi “continuatore” di Emilio Salgari.)
La mancanza di una grande diffusione del genere “fantascientifico” in Italia durante quel periodo fu quindi dovuta soltanto a scelte e decisioni editoriali,  non politiche, né religiose, né sociali, né culturali, né di arretratezza industriale come vari hanno ipotizzato. Fu un motivo squisitamente tecnico: come nel resto d’Europa mancarono le riviste a esso dedicate che lo divulgassero in modo ampio presso un pubblico soprattutto giovanile. Mondadori credette al progetto di Alberto Tedeschi e pubblicò nel 1933 I Gialli, facendo conoscere il poliziesco di marca americana, inglese e francese, che non era ignoto ma non aveva ancora una collana tutta sua e un nome che lo identificasse in modo particolare. Se in quegli anni un Giorgio Monicelli non così giovane come in effetti era gli avesse proposto una collana di narrativa avveniristica basandosi soprattutto sulla editoria americana, invece che un ventennio dopo, e Mondadori avesse pubblicato anche, poniamo, I Rossi o I Bianchi o I Blu dedicati alla “fantascienza” il gioco sarebbe stato fatto. Su questo si potrebbe scrivere un saggetto di storia alternativa (in parte qualcuno lo  ha già fatto…).
Ci provò nella realtà  l’ingegner Armando Silvestri (1909-1990), pioniere della fantascienza in Italia avendone scritta giovanissimo su Il Giornale Illustrato dei Viaggi, il quale, avendo comprato i pulp magazines americani nelle edicole di Via Montenapoleone a Milano e Via Veneto a Roma, ed essendo redattore di riviste tecniche e poi di aviazione, nel 1938 propose alla Editoriale Aereonautica che faceva capo al relativo Ministero di pubblicare a cadenza mensile quattro riviste, L’avventura, Avventure del mare, Avventure del cielo e Avventure dello spazio. Ovviamente venne accettata soltanto Avventure del cielo che uscì dal 1939 al 1941 (e non nel 1943, come ebbi a scrivere in una precedente occasione), quando chiuse per il razionamento della carta a causa della guerra. Fosse uscita anche Avventure dello spazio, la storia della fantascienza italiana e in Italia sarebbe stata molto diversa (idea buona anch’essa per una ucronia su cui anche qui qualcuno si è cimentato) in quanto avrebbe creato in tre-quattro anni un pubblico di lettori e una piccola squadra di scrittori che, in concomitanza con l’apparire di Urania nel 1952, avrebbero creato un retroterra italiano non da poco, forse sottraendo il genere alla esterofilia che lo caratterizzò almeno sino al 1990.

GIANFRANCO de TURRIS

9 settembre 2014 Posted by | by G. de Turris, Fantascienza | , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: