Il Tredicesimo Cavaliere

Scienze dello Spazio e altre storie

Interstellar: ultime battute & epitaffio

IS 5

Se avete seguito sulla Rete commenti, recensioni, giudizi su Interstellar degli ultimi giorni probabilmente avrete notato alcune costanti. Sulla maggior parte di detti interventi ci sono commenti del tipo:
-”non proseguite a leggere se non volete spoiler…”
-”sebbene ci siano molte imprecisioni scientifiche, mi/ci è piaciuto…”
-”sebbene ci siano buchi di sceneggiatura/imprecisioni, mi/ci è piaciuto”
-”non c’entra niente con 2001 Odissea nello Spazio, anche se…”
-”è praticamente 2001 Odissea nello Spazio, anche se…”
IS 7La maggior parte dei commenti è positiva, anche se non mancano quelli negativi ed a prescindere dal valore del film, il successo nel corso del primo fine settimana è stato immediato e probabilmente batterà qualche record. Personalmente sono passato ieri di nuovo davanti al cinema in cui l’ho visto apposta per vedere se c’erano i capannelli di amici che discutevano sul significato di questo o quello spezzone del film, il che a dir poco prova che se il film voleva suscitare discussioni ci è riuscito alla grande. C’erano.
Ripeto: capisco perché possa non piacere ed anche a me alcune cose hanno dato fastidio. Non le starò ad elencare tutte, sono troppe e sono soprattutto di natura non scientifica quanto strettamente logiche e di sceneggiatura.
Ne sottolineo solo una e vi faccio uno spoilerino… ;-).
In quella società futura ridotta sull’orlo della fame, come è stato detto da diversi commentatori, non ci sono rivolte per la fame e non ci sono razziatori che rubano il cibo ai contadini il che sarebbe una inevitabile conseguenza di quello stato di cose. Anzi: lo stato federale americano regge, al punto di mantenere costosissimissimi programmi spaziali anche se nel totale segreto.
IS 9Di solito quando si parla di ipotetiche future catastrofi distruttive (ecologiche per lo più, ma anche belliche, o di malattie epidemiche) nessuno sottolinea come la prima cosa a scomparire sulla faccia della terra sarebbe la cosa più preziosa che ci sia e che ci abbiamo messo 30.000 (?) anni a costruire dall’invenzione dell’agricoltura in poi: la democrazia.
Coltiviamo di tutto un po’ da circa 30 millenni, forse meno, i pareri sono discordi ed è stata l’agricoltura che ha reso possibili le città (certo i villaggi, ma stiamo parlando della stessa cosa) e dentro le città le caste e le classi fra cui vanno evidentemente messi i poeti ed i raccontastorie professionali.
In quelle città da allora in poi hanno governato vari tipi di patriarchi, mai le donne: agricoltura significava proprietà della terra e necessità di difenderla e di lasciarla ai propri figli e se sia arrivato prima l’aratro e poi la coscienza della paternità connessa al sesso va a saperlo, ma il passaggio è stato questo: fare sesso è gradevole, le donne partoriscono ed i figli sono loro, oh toh!, i figli sono una conseguenza del sesso (da una piccola parte del corpo di un uomo, perfino la costola, nasce la donna…) quindi questo figlio di questa donna con cui faccio sesso è MIO figlio ed io gli lascio la proprietà della MIA terra. Certo, detto così è un po’ troppo rozzo e veloce, ma la sostanza è questa.
I figli obbediscono ai padri, le donne agli uomini e tutti insieme costruiamo la città, la tribù, il regno eccetera. Poi siamo troppi e cominciamo a fare guerre non solo per difendere la città ma per eliminare i nemici,  a dire i vicini che ci rubano lo spazio vitale, cioè la terra; e diventare più ricchi, sicuri e potenti. IS 11Serve un governo stabile, un re, un tiranno, una assemblea dei migliori cioè aristocratica. E alla fine arrivano i Greci che si inventano questa strana cosa che è il governo del popolo, il demos, la democrazia. Solo che la “loro” democrazia escludeva gli schiavi, gli stranieri e le donne, cioè il 75% della popolazione. E ci vogliono 2500 anni dal V secolo avanti cristo fino al 1918 (il voto alle donne in USA e GB) per realizzarla davvero e compiutamente.
La democrazia moderna ( che inizia diciamo con la rivoluzione francese, più o meno) permette ed è causata dalla rivoluzione industriale, ha permesso progressi tecnologici ed economici eccezionali e nella sua forma attuale e più compiuta ha meno di 100 anni.
Se arrivasse una catastrofe planetaria come quella di Interstellar la prima cosa a scomparire sarebbe lei: con controllo militare delle strade, delle campagne, pena di morte per i dissidenti, per i renitenti a qualunque ordine, per i saccheggiatori affamati, e con massacri, prigioni, esecuzioni sommarie e niente tribunali. La diminuzione delle risorse descritta nel film farebbe diminuire la popolazione di non so quale percentuale, ma di tanto ne sono sicuro. E i disordini conseguenti e successivi alla carestia ammazzerebbero ancora di più. In una situazione da disastro “dopobomba” di questo tipo la vedo durissima (se non impossibile) costruire una astronave o anche solo una fabbrica che continui a produrre le pallottole per i fucili, figuriamoci una struttura industriale produttiva per l’astronautica spaziale più efficiente di quella attuale.
Ma tant’è a me il film è piaciuto e sono stato disposto da subito a sospendere la mia incredulità. Anche perché non so voi, ma io non vado a cinema per provare niente ma per divertirmi e Interstellar mi ha divertito.

MASSIMO MONGAI

 

EPITAFFIO

di Roberto Flaibani

Questa volta il Mongai è andato fuori tema, ma l’ha fatto con gusto e su un argomento importante: la Democrazia. Siccome posso dire di condividere il suo scritto parola per parola, allora dico “Imprimatur!”. Ma non è finita. A forza di pensarci, è affiorato un  ricordo lungo solo poche parole, nel mare magno delle idee e degli stimoli che questo bel film mi ha dato. “….non ci sono più eserciti….”  Queste cinque parole sono state pronunciate non so più da chi, ma sicuramente nella fase iniziale del film, quella che si svolge nell’America rurale. Potrebbe averle pronunciate Murph, o forse Cooper  durante l’incontro con gli insegnanti., non importa. A parer mio quelle cinque parole stanno a significare che la guerra, la violenza e tutto quanto di terribile è stato compiuto in passato, ora è finito. Quelli che vediamo sono i superstiti, poveri, stanchi e privi di ogni velleità di combattersi. Gli ultimi guardiani di un pianeta finito.

 

 

IS 6

Annunci

20 novembre 2014 - Posted by | Astrofisica, Astronautica, Fantascienza, Scienze dello Spazio | , , , ,

1 commento »

  1. A qualcosa si accenna, penso a quando Michael Caine dice che la NASA aveva litigato con il governo quando quest’ultimo aveva chiesto di bombardare i poveri che chiedevano cibo dalla stratosfera.
    Un altro punto è quando la professoressa è convinta che i viaggi nello spazio sono un invenzione propagandistica. Secondo me questo indica che ci sono stati degli sconvolgimenti molto profondi, guerre senza dubbio e una dittatura quasi sicuramente.

    Mi piace

    Commento di Gian Luigi Bona | 20 novembre 2014 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: