Il Tredicesimo Cavaliere

Scienze dello Spazio e altre storie

Interstellar: fuori dal coro

interstellar-c

Fare la voce fuori dal coro non è mai facile, soprattutto quando la critica è diretta verso un ‘mostro sacro’ e quindi occorrono motivazioni solide, più che in altri casi. Tuttavia ritengo ancora adesso, a qualche giorno dalla mia visione del film e dopo aver letto svariati commenti entusiastici, che Interstellar sia lontano dall’essere una pietra miliare nella storia del cinema di fantascienza. Ora provo a spiegarvi per quali motivi, con l’avvertenza –per chi non  lo avesse ancora visto- che l’articolo contiene spoiler.

INTERSTELLARLa premessa

La trama del film si sviluppa su un antefatto: una non meglio definita pandemia vegetale sta letteralmente uccidendo le coltivazioni sulla Terra e la gente non ha di che sfamarsi. Nel film si parla di grano, ma si accenna anche al fatto che la ‘piaga’ si sta diffondendo a tutti i prodotti agricoli. L’approccio non è molto originale, se non per il fatto che, a quello che si vede, computer, razzi e automobili sono ancora largamente diffusi. Ora, io non sono un sociologo, ma a mio avviso questo scenario manca di coerenza. In una situazione come quella descritta da Nolan mi sarei aspettato un mondo un tantino più degradato e soprattutto non così bucolico, ma con tensioni sociali anche molto violente per l’accaparramento delle poche risorse ancora disponibili. Invece la popolazione mi sembra fin troppo tranquilla. E’ forse rassegnata al suo destino di estinzione? In questa prima parte la trovata visivamente più riuscita è senza dubbio la sabbia: pervade tutto e simboleggia in qualche modo questo ripiegamento dell’essere umano, non più che guarda al futuro con speranza e desiderio di scoperta, ma fossilizzato su un presente che diventa troppo velocemente passato.

 

Interstellar3

 

 

 

 

Il regista non si sofferma troppo sui motivi che hanno portato il mondo a questa catastrofe ambientale, se non per giustificare il motto del film, secondo cui gli uomini sono nati sulla Terra, ma nessuno ha stabilito che debbano anche morirci. Per cui ecco il grande piano, concepito da uno stanco Michael Caine, aka professor Brand, aka padre della futura Eva, (Anne Hathaway) …In realtà, i ‘grandi piani’ sono due ma il piano ‘B’ è un fake, come sappiamo in seguito, concepito per motivare meglio l’astronauta Cooper, aka Matthew McConaughey, a lasciare sulla Terra la propria famiglia, composta dal padre e dai due figli, Murph, la ragazza  e Tom, il più  grande, ma questa ‘è un’altra storia’

 

 

Il viaggio interstellare

Comunque in 25 minuti, su 2 ore e ¾ di film, Cristopher e Jonathan Nolan liquidano il capitolo calamità terrestri per proiettarci anche troppo repentinamente nella seconda parte, nel viaggio interstellare propriamente detto. WTF? In pochi minuti Coop e Murph capiscono che il fantasma che sposta i libri nella camera della ragazza sta cercando di comunicare utilizzando la gravità come supporto all’alfabeto morse, e in questo modo detta loro le coordinate per la base della ‘new’ Nasa. La vecchia è stata chiusa perché ‘nessuno pensa ad andare nello spazio quando si muore di fame’, una delle poche affermazioni sensate del film.

interstellar-eAnche se la parte del viaggio è la migliore, in termini cinematografici e visivi, i due fratelli Nolan ci hanno messo troppa roba, cedendo in un secondo peccato di incoerenza. Nonostante il linguaggio parascientifico cerchi di dare un sostegno credibile al tutto, al wormhole, ai paradossi spazio temporali che questo genera, c’è troppo di tutto, anche di quello che sembra essere l’altra variabile che non risponde alle leggi della fisica tradizionale, assieme al tempo e alla gravità. Parliamo dell’amore, di quell’energia immateriale che lega in modi misteriosi gli esseri umani e li rende capaci di grandi imprese. Ne parla fin troppo la Hathaway, che ci ammannisce un pistolotto di 15 minuti sulla sua potenza solo per giustificare la sua scelta, come pianeta da esplorare dopo il fallimento sul primo,   di quello dove sarebbe sceso il suo ‘fidanzato’. Ne avevamo bisogno? Sinceramente è stato uno dei momenti in cui mi sarei levato una scarpa per tirarla sullo schermo. Un monologo che sicuramente rimarrà indimenticato, per la sua noia.. Il problema vero è che Nolan non è in grado di raccontare sullo schermo i sentimenti umani, manca della sensibilità necessaria, senza contare che anche gli attori mancano di empatia in tal senso.

Interstellar-MurphIl ritorno

E mentre i nostri eroi disquisiscono di amore sulla Terra sono passati circa 50 anni mentre per loro giusto qualche minuto. E’ il paradosso temporale causato dal wormhole, che Nolan utilizza senza ritegno per dirci che è Cooper l’uomo del futuro, il novello Adamo, che si sgancia temporaneamente dalla sua Eva, Anne Hathaway, aka Amelia Brand, per un breve ritorno su un satellite creato vicino Saturno, dove può salutare per l’ultima volta la ‘sua’ Murph, ormai morente. E’ durante questo straordinario ritorno che intuisce che il fantasma della figlia non era un alieno, i ’loro’ di cui si parla all’inizio del film, ma egli stesso, smaterializzato in una non-dimensione rappresentata dal tesseratto, ossia un ipercubo. Spinto dalla stessa figlia, riparte di nuovo per raggiugere Amelia e dare vita alla nuova razza umana, quella che consentirà allo stesso Cooper di comunicare con la figlia adolescente attraverso il lancio del libro, perlomeno questa è la mia interpretazione: qui ci vuole un triplo salto mortale carpiato con avvitamento, ma stiamo sempre nella stanza di Murph. Forse preferivo i paradossi di Inception

Prima che qualcuno dica ‘non ho capito nulla’ voglio precisare che non era mio intento raccontarvi il film e se ho citato degli episodi è stato per motivare le mie perplessità. D’altra parte è un film difficile da raccontare, tanto è pieno di roba, che per quanto mi riguarda è il suo limite principale. Io stesso pur essendo un cultore della fantascienza ho ancora grandi difficoltà a digerire tutto. Proprio perché fa discutere è comunque un film da vedere, per poi poter affermare che non ha nulla a che vedere con l’Odissea nello spazio di Kubrick
Suggerisco, a chi ha avuto la pazienza di leggermi, di vedere anche questi due commenti, a favore quello di Amedeo Balbi, un astrofisico, , molto ben circostanziato, e contro quello scritto da Sean O’Connell, purtroppo in inglese ma altrettanto interessante.

GIANVITTORIO FEDELE

 

interstellar-d

Annunci

13 novembre 2014 - Posted by | Astrofisica, Astronautica, Fantascienza, Scienze dello Spazio | , , , ,

1 commento »

  1. Ciao,
    Ho visto stasera il film e sono d’accordo con te: è stata una delusione. incentrato sui rapporti (e sul tasto “patetico”) piuttosto che sull’aspetto fantascientifico/scientifico.

    Mi piace

    Commento di Ant Sacco | 14 novembre 2014 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: