Il Tredicesimo Cavaliere

Scienze dello Spazio e altre storie

Il lungo cammino verso le stelle

DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency), nota nella sua storia anche come ARPA, è stata costituita nel 1958, non a caso l’anno dopo il lancio dello Sputnik, per evitare che iniziative del nemico a livello strategico potessero cogliere di sorpresa gli Stati Uniti, e, all’opposto, creare iniziative a livello strategico che potessero cogliere di sorpresa i nemici del’America. A questo scopo la DARPA si è dotata di un gruppo non numeroso, ma composto di esperti di grande valore in molte branche del sapere umano, per individuare e sostenere studi e progetti che potrebbero portare cambiamenti rivoluzionari non solo per la sicurezza degli Stati Uniti, ma per l’intera società, americana e mondiale. Infatti il suo più grande successo è stato intuire, negli anni 60, che l’informatica e in partcolare il network computing sarebbe diventato, negli anni seguenti, il settore trainante dell’economia mondiale, e decidere quindi di costruire ARPANET, la prima grande rete di computer per collegare le università e i centri di ricerca americani, il nucleo originario del futuro Internet. Insomma, si può ben dire che, quando DARPA si muove, lo fa a ragion veduta.

E DARPA ha fatto la sua mossa nel gennaio scorso, quando David Neyland, direttore per la tecnologia tattica, di concerto con Peter Worden, direttore dell’Amos Research Center della NASA, ha convocato, con molta riservatezza, una trentina tra imprenditori e scienziati di grosso calibro, e anche qualche outsider, per discutere a livello informale di un argomento che oggi è considerato dalla scienza ufficiale totalmente tabù: il volo interstellare. L’iniziativa, denominata 100-Year Starship Study, deve il suo nome non tanto alla durata del volo vero e proprio, ma piuttosto al lasso di tempo necessario per la progettazione dell’astronave. Un piano a lunghissima scadenza della cui utilità DARPA è convinta, specialmente nei settori della propusione, dell’immagazzinamento dell’enegia e dei sistemi di supporto vitale, dove si otterranno benefici non solo per il Dipartimento della Difesa e la NASA, ma anche per il settore commerciale e privato.

Lo studio si è concluso, e per renderne pubblici i risultati DARPA e NASA hanno realizzato il sito ufficiale e convocato per il 30 settembre prossimo a Orlando (Florida) un congresso aperto, dove tutti coloro che hanno idee innovative in merito al volo interstellare potranno incontrarsi, avere voce e ottenere ascolto. La multidisciplinarietà è incoraggiata al massimo, tant’è che dagli organizzatori stessi vengono suggerite ben sette strategie di approccio al problema, che possiamo velocemente illustrare con qualche esempio:

  • Soluzioni inerenti al prolema del tempo e della distanza: tipi di propulsione, manipolazione e/o distorsione dello spaziotempo, navigazione, osservazione, percezione a velocità prossime o superiori a quella della luce

  • Considerazioni a carattere sociale, economico e legale: profit o no-profit, l’economia nello spazio, telecomunicazioni con la Terra, possibili sviluppi politici

  • Considerazioni filosofiche e religiose: perchè il volo interstellare , aspetti etici e morali, implicazioni nel caso vengano trovati mondi abitabili, oppure forme di vita

  • Biologia e medicina: fisiologia e psicologia nello spazio , sospensione criogenica della vita umana , tecnologia medica nello spazio

  • Habitat e scienza dell’ambiente: ricreare una gravità fittizia o farne a meno, effetti delle radiazioni spaziali, tossine ambientali , raccolta dell’energia e suo uso , agricoltura, dimensioni ottimali dell’habitat , ambienti che si auto-mantengono

  • Destinazioni: criteri per la scelta della destinazioni , quante destinazioni per ogni missione

  • Comunicazione del messaggio: come usare i media per rendere familiari la ricerca e i viaggi a lungo termine.

Il prossimo 11 novembre una apposita commissione sceglierà il miglior progetto complessivo tra i lavori ufficialmente presentati alla segreteria del congresso, e l’organizzazione che l’ha elaborato verrà premiata dalla DARPA con un contributo di 500.000 dollari. L’esiguità della cifra di fronte a un compito così immane non deve trarre in inganno: si tratta infatti di una patente di credibilità rilasciata da una prestigiosa agenzia governativa, cioè un ottimo strumento per dare inizio a una capillare raccolta di fondi. L’uomo della DARPA, David Neyland, sottolinea che il premio non viene dato perché si inizi a costruire l’astronave interstellare, ma per ottenere un buon business plan che permetta di progettarla. Si cerca un’organizzazione, probabilmente privata, in grado di sviluppare il concetto di volo interstellare senza aiuto da parte del governo, di portarne il peso per i prossimi cento anni, e di sviluppare eventuali ricadute tecnologiche allo stesso modo in cui investire nel network computing ha reso possibile la nascita di Internet. Oggi nessuno ha un’idea precisa di cosa veramente potrebbe uscir fuori dal progetto di una nave interstellare, sarebbe ingenuo perfino credere di conoscere le domande giuste da porre.

 “Se nel 1910 qualcuno avesse chiesto ad Einstein e a Marconi – conclude Neyland – di definire un sistema di comunicazione mondiale accessibile all’uomo della strada, cosa credete che avrebbero risposto? IPhone?”

Fonti:

  • The New York Times: “Offering Funds, U.S. Agency Dreams of Sending Humans to Stars”, by Dennis Overbye – August 17, 2011
  • 100-Year Starship Study website
Advertisements

26 agosto 2011 - Posted by | Astronautica, Scienze dello Spazio, Volo Interstellare |

4 commenti »

  1. […] 100YSS. Ai non informati raccomandiamo la lettura dei seguenti articoli, nell’ordine: “Il lungo cammino verso le stelle”, “L’astronave dei cent’anni: nascita di un movimento”, “Che fine hanno fatto i soldi […]

    Mi piace

    Pingback di 100 Year Starship: il conto alla rovescia termina nel 2112 « Il Tredicesimo Cavaliere | 22 maggio 2012 | Rispondi

  2. […] montagna e non solo. PopingaL’arte moderna e le realtà invisibili  Roberto Flaibani Il lungo cammino verso le stelle  Walter CaputoInattesi spunti scientifici in un testo di narrativa. IL CARNEVALE DELLA FISICA […]

    Mi piace

    Pingback di Notizie | IL CARNEVALE DELLA FISICA SU QUOTIDIANO PIEMONTESE | 9 settembre 2011 | Rispondi

  3. […] montagna e non solo. PopingaL’arte moderna e le realtà invisibili  Roberto Flaibani Il lungo cammino verso le stelle  Walter CaputoInattesi spunti scientifici in un testo di narrativa. IL CARNEVALE DELLA FISICA […]

    Mi piace

    Pingback di IL CARNEVALE DELLA FISICA SU QUOTIDIANO PIEMONTESE | 3 settembre 2011 | Rispondi

  4. […] montagna e non solo. PopingaL’arte moderna e le realtà invisibili  Roberto Flaibani Il lungo cammino verso le stelle  Walter CaputoInattesi spunti scientifici in un testo di narrativa. IL CARNEVALE DELLA FISICA […]

    Mi piace

    Pingback di IL CARNEVALE DELLA FISICA SU QUOTIDIANO PIEMONTESE | 3 settembre 2011 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: